Constatiamo l’affermarsi di un “sentire e pensare insieme” che dà inizio ad un infinito numero di iniziative che, partendo dai confini esterni dell’Azienda, chiedono il rinnovamento dell’organizzazione, l’attivazione di nuovi processi di sviluppo e rendono evidente la necessità di nuove figure professionali.

C’è un interrogativo che tocca le sensibilità professionali delle persone: “Chi voglio essere?”.

Sul web si sono aperti innumerevoli dibattiti sui valori che desideriamo ritrovare nella quotidianità del nostro lavoro. E’ importante ascoltare i singoli messaggi e prendere atto della responsabilità con cui ognuno decide di essere partecipe di un confronto aperto e disponibile alla verità.

Vediamo allora cosa rivelano le persone che lavorano in differenti realtà aziendali occupando ruoli che prevedono diversi gradi di responsabilità e di attenzione alle direzioni del progresso:

Emiliano:  “Il cambiamento è in atto e si sta verificando ad ALTA VELOCITÀ. (…)”

Guido: “Dal punto di vista delle aziende accettare il dialogo significa impegnarsi compiutamente nelle discussioni raccogliendo le critiche come consigli. Vuol dire  entrare in una logica comunicativa da pari a pari che riesca ad AVVICINARE IL POTENZIALE consumatore lasciando da parte l’autorità e la distanza tipiche delle comunicazioni tradizionali dall’alto”

Paola: “La gestione della conoscenza aziendale sta prendendo spunto da blog e fenomeni di condivisione sociale di nuova concezione. (…) Bisogna pensare  a  una  nuova architettura dell’informazione  basata  su  una  PROGETTAZIONE  UMANO-CENTRICA”

Massimo: “Secondo me quello che deve cambiare nei modelli organizzativi è l’approccio: le informazioni non sono più di proprietà univoca ma devono POTER INTERAGIRE”

Federico: “Il web 2.0 non e’ solo strategico per l’esterno, cioè per i clienti ma è centrale come strumento interno. I wiki ed i blog aziendali fanno evolvere i meccanismi comunicativi interni, consentono di gestire le conoscenze tra i dipendenti, di unire i colleghi tra loro, intensificano le relazioni. Permette a tutti di esprimere la propria idea di business, di proporre miglioramenti e servizi aggiuntivi, di progettare ed ESPORSI PER CRESCERE”

Flavio: “Sicuramente l’organizzazione dovrà modificare il proprio modo di pensare, la gestione della proprietà intellettuale cosi come la forma di ricerca e sviluppo saranno sicuramente la punta di un ICEBERG DEL CAMBIAMENTO.”

Nicola: “La cosa che mi colpisce dei siti cosiddetti web 2.0 è che supportano meglio il modo naturale di comunicare,  scambiare informazioni e STRINGERE RELAZIONI. Li trovo efficaci perché ampliano le possibilità e riducono i tempi. Vedo che la parte di azienda con una struttura a rete beneficia di questi siti in modo più spontaneo della parte di azienda con la classica struttura gerarchica e gestione a comando e controllo”

Martino: “Queste nuove modalità possono rendere le organizzazioni del lavoro molto più vive e dinamiche, nonché molto produttive sui temi della conoscenza, è però necessario che vi sia un minimo di coordinamento e gestione delle tematiche. Di norma l’utente del web 2.0 è aperto, trasparente, pronto a mettersi a disposizione degli altri. Comunque sia il processo è ben avviato e il NUOVO MODO DI INTERAGIRE non potrà che essere recepito da tutti i vari attori”

Alessia: “Il web 2.0 è una specie di ritorno all’antico, ossia a quando si dava molta importanza al rapporto tra le persone. Chiaramente anche i modelli organizzativi si dovrebbero adattare a una nuova tendenza all’orizzontalità. Dovrà contare di più il “cosa so fare” e “su cosa sto lavorando” che il “quale  livello occupo in azienda”.  Sono certa che presto ASSISTEREMO A GRANDI CAMBIAMENTI”.

Trasmettere un messaggio è sicuramente il primo passo per essere artefici di un benessere atteso.

Ascoltare è il gesto più vicino all’attivazione del cambiamento.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: